Cosa fa il podologo e quando rivolgersi a questo specialista

17 febbraio 2023 Salute e prevenzione
podologo per anziani

La salute del piede riveste un ruolo determinante per assicurare alla persona movimento, autonomia e stabilità. A questo proposito la medicina prevede uno specialista, il podologo, che si occupa di prevenire, individuare e curare le patologie del piede

Come operatore sanitario specializzato, quest’ultimo può intervenire direttamente sul piede per curare una distorsione, un dolore o un’infezione, o per risolvere problemi di postura ed equilibrio, ma può anche occuparsi dei sintomi di alcune patologie o condizioni del paziente, come l’artrite o il diabete, che si riflettono sulla salute degli arti inferiori.   

Approfondiamo, in questo articolo, le competenze del podologo, in quali casi è opportuno il suo intervento e i problemi che può trattare, con un focus specifico sulle criticità più comuni fra gli anziani.

Chi è il podologo e cosa fa

Il podologo è un professionista sanitario specializzato in podologia, branca della medicina che si occupa delle problematiche e delle patologie legate a piedi, caviglie e, in generale, degli arti inferiori. Si tratta pertanto di una figura che ha conseguito l’abilitazione al termine di uno specifico corso di laurea presso la facoltà di Medicina e Chirurgia.

L’attività del podologo è inquadrata fra le professioni sanitarie e non va confusa con quella dell’estetista, figura specializzata nei trattamenti di bellezza eseguiti sulla superficie del corpo come ad esempio massaggi, pulizia del viso, depilazione, manicure e pedicure estetica (da distinguere dalla pedicure medica, anche detta “curativa”, per la quale è opportuno rivolgersi al podologo).  

L’estetista, pertanto, si occupa dei piedi che non presentano sintomatologie dolorose o altre problematiche, perché sono escluse dalla sua attività “le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico”, come sancito dalla Legge 1/1990, che ha definito competenze e limiti di questa professione. 

Quali problemi può trattare il podologo? 

Il podologo può trattare pazienti di tutte le età e condizioni fisiche, dai bambini agli anziani, dagli sportivi ai malati. Di conseguenza, la podologia prevede diverse specialità a seconda delle caratteristiche e necessità delle persone, ad esempio:

  • Podologia Pediatrica; 
  • Podologia Geriatrica; 
  • Podologia Sportiva;
  • Podologia Diabetica; 
  • Podologia Reumatica; 
  • Podologia Angiologica; 
  • Podologia Neurologica.

Il podologo può intervenire in via preventiva, diagnostica e terapeutica, accompagnando il paziente lungo tutto il percorso curativo. Fra i problemi più diffusi per i quali è bene rivolgersi a questo professionista possiamo citare:

  • onicomicosi, un'infezione a carico delle unghie provocata da funghi;
  • unghia incarnita, che si verifica quando i bordi dell’unghia lacerano la pelle circostante;
  • calli o duroni, indurimenti e arrossamenti della pelle spesso causati da compressioni e sfregamenti dovuti a calzature troppo strette o inadeguate, oppure a posture scorrette;
  • problemi di postura, spesso causa di dolori alla schiena o alle ginocchia;
  • piede d’atleta, un’infezione fungina che colpisce la pelle: si chiama così perché è molto diffusa fra le persone che praticano sport e frequentano spogliatoi e docce pubbliche;
  • gonfiore, fastidio o intorpidimento del piede apparsi senza un motivo evidente;
  • dolore persistente al tallone, che si manifesta senza una ragione apparente;
  • dolore articolare a piede o caviglia, soprattutto se continuo e intenso;
  • borsite al piede o alla caviglia, infiammazione che colpisce l'articolazione;
  • piede diabetico, complicanza cronica che interessa i malati di diabete e che può provocare infezioni e ulcere. 

Il podologo per gli anziani: i principali problemi tipici della terza età trattati da questo specialista 

Il paziente anziano, a causa dell’avanzare dell’età o di determinate patologie, può richiedere una particolare attenzione alla salute dei piedi. In aggiunta ai problemi più diffusi sopra elencati, infatti, l’anziano va incontro a una condizione comunemente detta “piede geriatrico” e il podologo è la figura di riferimento per curarla o tenerla sotto controllo. 

Fra le problematiche più diffuse nella terza età ricordiamo:

  • il deterioramento fisiologico del sistema muscolo-scheletrico che può causare una serie di difficoltà legate alla mobilità e all’equilibrio, con un aumento del rischio di cadute nell’anziano;
  • l’alterazione dell’idratazione cutanea, un problema da non sottovalutare perché, se trascurato, può portare a lesioni della pelle e ulcere; 
  • le unghie ispessite o distrofiche, che possono determinare onicomicosi, infezioni batteriche, calli subungueali (sotto l’unghia o nel vallo ungueale, la piega cutanea che ricopre base e lati dell’unghia) e onicolisi, ossia il distacco parziale o totale della lamina. 

Oltre a intervenire nei casi sopra elencati, il podologo deve impartire all’anziano una corretta educazione sanitaria, informandolo sulle buone abitudini che possono ridurre o contenere i problemi ai piedi. Fra le azioni che potrebbe suggerire, ad esempio, ci sono:

  • utilizzare calzature adeguate all’età e alle specifiche esigenze della persona;
  • scegliere prodotti detergenti adatti al proprio tipo di pelle;
  • mantenere una corretta idratazione del piede durante il giorno: la pelle, infatti, non dovrebbe essere né troppo umida né troppo secca;
  • asciugare bene la pelle fra le dita dei piedi dopo il bagno o la doccia;
  • evitare di camminare scalzi per scongiurare il rischio di abrasioni, ferite e infezioni fungine;
  • rivolgersi a un professionista per la cura delle unghie;
  • se necessario, chiedere aiuto a un familiare, a un assistente domiciliare o alla badante per la cura dell’igiene personale.

Quando rivolgersi a un podologo a domicilio: caratteristiche e vantaggi del servizio di PrivatAssistenza

Come abbiamo visto in questo articolo, il podologo è un professionista molto importante per il benessere degli anziani perché il suo intervento può prevenire o curare le problematiche che riguardano la salute dei piedi più diffuse nella terza età.

Si tratta di una figura che può intervenire anche direttamente a casa, con grande beneficio del paziente che, in questo modo, non deve spostarsi. 

Proprio per supportare questa necessità, PrivatAssistenza – network specializzato nell’assistenza domiciliare, con oltre 200 centri in tutta Italia – assicura fra i suoi servizi anche il podologo a domicilio

Quest’ultimo, dopo una prima visita podologica domiciliare, potrà concordare con il paziente e i familiari la terapia più adeguata e i trattamenti di podologia riabilitativa o di prevenzione, a seconda delle esigenze.

Se sei interessato a conoscere questo servizio e le altre formule di assistenza domiciliare di PrivatAssistenza, contatta il centro più vicino a te.  


Crediti immagine di copertina: Javidestock/Shutterstock.com

Ultimi articoli del Blog


OSS: cosa fa e dova lavora

Scopri il ruolo chiave dell'Operatore Socio-Sanitario (OSS) in contesti pubblici, privati e assistenza domiciliare. Esplora le sue mansioni, dalle attività assistenziali al supporto sanitario, e le distinzioni con altre figure come gli infermieri e gli Operatori Socio-Assistenziali (OSA). Trova informazioni su come richiedere i servizi dell'OSS a domicilio per assistenza continua e pratica

Come gestire l’insonnia negli anziani

Disturbi del sonno negli anziani: cause e strategie di gestione efficaci - Scopri come affrontare l'insonnia e migliorare la qualità del sonno con le nostre preziose strategie. Leggi ora

Badante: mansioni, assunzione e costi

In questo articolo vedremo come trovare una badante adeguata alle proprie esigenze, quali sono le sue mansioni e perché affidarsi a PrivatAssistenza