25 anni di esperienza e oltre 200 centri in tutta Italia

Novità dalla rete PrivatAssistenza

Un lavoro gratificante. Intervista a Monica Tabucchi responsabile del centro Privatassistenza di Pisa

Anche a quasi 50 anni, con la giusta dose di determinazione, si può decidere di affrontare un’esperienza nuova in campo imprenditoriale e portarla avanti con successo. E in questo il franchising può aiutare molto. Questa, in sintesi, la morale che si può ricavare dall’esperienza di Monica Tabucchi, che ormai da quasi 10 anni porta avanti la sua attività come affiliata a Privatassistenza a Pisa, nella sua agenzia di via San Giovanni Bosco al civico 29. Per i pochi che ancora non lo sapessero, Privatassistenza è principale network italiano di assistenza domiciliare che, da oltre 25 anni, organizza servizi qualificati di assistenza domiciliare per coloro che necessitano di un aiuto concreto a casa o in ospedale.

Monica, ci racconta in breve la sua storia e come è arrivata a decidere di avviare questa attività?
«Sono laureata in Lettere e per diversi anni ho lavorato nell’editoria e nell’insegnamento. Lavori che ho deciso di lasciare con l’arrivo del mio secondo figlio. Per diverso tempo ho fatto la mamma a tempo pieno, poi, una volta che i figli sono diventati più grandi, ho ripreso a lavorare part time presso uno studio legale. In quel periodo ho maturato però la consapevolezza di volere qualcosa di mio e, dopo la separazione da mio marito, questa attitudine si è trasformata anche in una necessità. Ho iniziato così a cercare qualcosa che facesse al caso mio».

Perché proprio l’assistenza socio-sanitaria domiciliare?
«All’epoca, insieme alla mia socia Chiara Ambrogi, che pure aveva necessità di una nuova prospettiva di lavoro, avevo chiare due cose. La prima era la scelta del franchising come modalità, dato che non avevo alcuna esperienza imprenditoriale. La seconda era che dovevo cercare un settore in grado di garantirmi un futuro, non qualcosa che rischiasse di passare presto di moda. Settore che, dopo varie riflessioni, ho individuato nelle attività di carattere sociale e, in particolare, nell’assistenza alle persone deboli».

E perché ha scelto Privatassistenza?
«Decisivo è stato l’incontro con l’azienda, in cui siamo state accolte con grande disponibilità e professionalità. Mi sono piaciuti subito e hanno compreso i nostri problemi, che includevano la mancanza di esperienza sia in termini imprenditoriali in generale, sia nel settore specifico. Naturalmente nella scelta è stata fondamentale anche la solidità del marchio e dell’azienda. Oggi posso dire che sono pienamente soddisfatta di questa scelta. Tutte le promesse sono state mantenute e abbiamo ricevuto un’ottima assistenza e formazione. Date le premesse, all’inizio non è stato facile, ma grazie al supporto della casa madre abbiamo superato senza problemi tutte le difficoltà e ancora oggi, in caso di necessità, sono sempre disponibili».

Cosa la soddisfa di più del suo lavoro?
«La soddisfazione dei clienti e la consapevolezza di fare un lavoro che fa la differenza, specie in un ambito in cui l’intervento pubblico è spesso molto carente. Mi si lasci dire che ho visto situazioni che non esito a definire vergognose. Ancora oggi c’è chi scrive per ringraziarci a distanza di anni, anche dopo la scomparsa dell’assistito. È molto gratificante, così come il rapporto con i nostri collaboratori, oggi circa una trentina, che sono quasi una famiglia. Sul piano economico posso dichiararmi soddisfatta: siamo rientrate dell’investimento in meno di due anni e oggi sono in grado di pagare 30 persone e ricavare un reddito più che dignitoso».

«Oggi posso dire che sono pienamente soddisfatta di questa scelta. Tutte le promesse sono state mantenute e abbiamo ricevuto un’ottima assistenza e formazione.»

"L'esperienza di Monica è un ottimo esempio di crescita imprenditoriale: ci insegna che, anche senza un’esperienza specifica nel settore, seguendo le linee guida Privatassistenza si possono sviluppare le capacità necessarie per gestire con successo un business nell’assistenza domiciliare.La formazione è fondamentale, non solo per acquisire le competenze iniziali, ma anche dopo il periodo di start up. Nasce dall’esperienza della rete Privatassistenza e offre agli imprenditori gli strumenti giusti per affrontare un settore in costante crescita. In questi mesi abbiamo ad esempio attivato convenzioni e webinar formativi per permettere ai centri Privatassistenza di offrire i sempre più richiesti test sierologici e tamponi Covid-19. Completano il modello le attività pubblicitarie e di marketing coordinate dalla casa madre, che indirizzano il maggior numero di clienti presso i centri.L’imprenditore deve mettere in campo le proprie capacità umane e gestionali per massimizzare i risultati e in questo Monica si è saputa distinguere: la sua dedizione, l’impegno costante, la professionalità e il giusto approccio con clienti e collaboratori le hanno permesso di creare un’azienda solida e di diventare un punto di riferimento prezioso per le famiglie del territorio.Grazie Monica per aver condiviso la tua esperienza, ci auguriamo che tu possa essere un’ispirazione e un esempio positivo per tanti imprenditori che stanno ancora cercando la loro strada".

Marco Caffagni
Responsabile marketing Privatassistenza

A cura di: Redazione interna ItaliassistenzaDivisione Marketing e Promotion rivista Millionaire

Autore: Millionaire e Monica Tabucchi, responsabile centro Privatassistenza Pisa

Fonte: Millionaire, Virgilio Degiovanni Editore Srl

Email: franchising@privatassistenza.it

Data di pubblicazione: 03 novembre 2020

© Privatassistenza

Centro Privatassistenza di

Centro di

Pisa

Sempre reperibili H24

Chiamaci, 24h su 24

050.2200832
050.2200832