Deambulatori e girelli per anziani: come scegliere il modello giusto

13 febbraio 2023 Salute e prevenzione
Girello per anziani

Con l’avanzare dell’età può accadere che una persona non sia più in grado di stare in piedi autonomamente e che abbia la necessità di aiutarsi nei movimenti con un supporto adeguato. La stessa esigenza può manifestarsi durante un periodo di riabilitazione, in seguito a un intervento o dopo un lungo ricovero ospedaliero.

In questi casi i deambulatori, spesso anche detti girelli per anziani”, sono strumenti usati per sostenere la persona nella camminata e favorire, in questo modo, la sua autonomia. 

Dopo aver parlato degli ausili per anziani, in questo articolo vedremo meglio cosa sono i deambulatori e i girelli, come si usano, e quali sono le caratteristiche più importanti per scegliere il supporto adeguato alle necessità dell’utilizzatore. 
 

Deambulatori e girelli per anziani: come si usano e in cosa si differenziano

Spesso i termini “girello” e “deambulatore” sono considerati sinonimi da chi è interessato ad acquistare un dispositivo di questo genere. In realtà, ci sono alcune differenze. Il girello è un ausilio dotato di 4 ruote studiato per le persone che non riescono a stare in piedi da sole e che hanno problemi di mobilità. Lo si utilizza semplicemente spingendolo, ed è dotato di freni per bloccare le ruote. Rispetto al deambulatore, il girello sostiene maggiormente il peso del soggetto grazie ad accessori specifici come la cintura che, posta nella zona pelvica o addominale, si allaccia al bacino o al tronco, il sellino, sul quale la persona può sedere, e i supporti ascellari. Per questo motivo, in genere, è preferibile per chi ha capacità deambulatorie fortemente ridotte, determinate da gravi patologie degenerative dovute all’età, a traumi o incidenti. Inoltre, il girello può essere la soluzione adatta per gli anziani che non possono appoggiarsi a stampelle, bastoni o al deambulatore stesso.

Il deambulatore, invece, permette alla persona di scaricare il peso attraverso gli arti superiori. Per questo motivo, di solito viene utilizzato quando l’anziano è in grado di reggersi in piedi usando le braccia senza che si verifichino problemi di stabilità. Il deambulatore è dotato di 4 gambe con puntali antiscivolo, può avere due ruote o nessuna ruota, e il suo funzionamento è molto intuitivo: è sufficiente appoggiarsi e stringere saldamente le maniglie, dopodiché ci si può muovere spostandolo in avanti, se ha le ruote, oppure sollevandolo, se ne è sprovvisto. 

Oltre a supportare la camminata e le attività motorie, entrambi i dispositivi aiutano a ridurre il rischio di caduta degli anziani dovuto a dolori cronici alle gambe oppure a problemi di equilibrio e stabilità.
 

Quando può essere necessario avvalersi di un deambulatore o di un girello per anziani?

Girello e deambulatore, come abbiamo anticipato, possono essere utili per le persone anziane che presentano disabilità motorie o difficoltà severe nella deambulazione. Si tratta di condizioni purtroppo diffuse nella terza età, legate sia al naturale processo di invecchiamento sia a eventuali traumi o interventi che possono aver causato un’invalidità permanente o aver reso necessario un periodo di riabilitazione, durante il quale è opportuno avvalersi di un supporto per reggersi in piedi, spostarsi e camminare. 

In tutti questi casi, strumenti come questi sono importanti non solo perché sostengono l’utilizzatore favorendone l’autonomia, ma anche perché, agevolando i movimenti, sollecitano la muscolatura e stimolano la circolazione sanguigna delle gambe. Ultimo, ma non meno importante, non va trascurato l’aspetto psicologico: questi ausili, infatti, permettono di mantenere una vita più attiva, con evidenti riflessi sul benessere psicofisico della persona. 
 

Come scegliere deambulatori e girelli per anziani: quali sono gli aspetti a cui prestare attenzione?

In commercio esistono molte tipologie di ausili per la deambulazione, con peso e misure differenti, ed eventuali accessori extra. In generale, per individuare il modello giusto è importante consultare il medico o un fisioterapista e verificare insieme due condizioni preliminari:

  • il grado di autonomia della persona: ad esempio, se l’anziano gode ancora di una buona forza fisica si potrebbe optare per un ausilio senza ruote, con i gommini antiscivolo. Diversamente, può essere più opportuno un modello con le ruote per agevolare gli spostamenti. 
  • Il luogo in cui verrà utilizzato, quindi se in casa o fuori casa: per l’uso domestico, infatti, è necessario verificare la larghezza delle porte e dei corridoi per consentire all’anziano di spostarsi dove desidera. Per i dispositivi a uso esterno, invece, sarà prioritario avvalersi di modelli stabili e molto robusti. 
 

Definiti questi aspetti, possiamo verificare la presenza delle seguenti caratteristiche:

  • materiale: gli ausili possono essere in alluminio o in acciaio. I primi sono più leggeri e versatili, si possono spostare con facilità e di solito vengono consigliati per l’utilizzo in casa. I secondi, più pesanti, assicurano una maggiore stabilità e sono ideali per muoversi all’esterno, ad esempio sui marciapiedi o le superfici stradali irregolari. 
  • Misure e peso: la misura deve essere scelta in base alla costituzione della persona, mentre il peso varia a seconda del materiale (alluminio o acciaio) e degli eventuali accessori presenti.  
  • Regolazione dell’altezza: un aspetto importante che aumenta la sicurezza dell’anziano è la possibilità di regolare l’altezza del telaio in base alla statura dell’utilizzatore (il telaio deve raggiungere l’anca). 
  • Seduta: alcuni modelli sono provvisti di sedile, accessorio molto apprezzato in quanto permette all’anziano di riposarsi durante i movimenti. Esistono anche dispositivi dotati di schienale, per migliorare il comfort.
  • Impugnatura: molti ausili  sono provvisti di pratiche maniglie ergonomiche che agevolano una presa sicura. Alcune manopole, inoltre, sono munite di freni manuali che conferiscono maggiore sicurezza e manovrabilità.  
  • Supporti ascellari, sottoascellari o brachiali (per l’avambraccio): per aumentare il sostegno, gli ausili per la deambulazione possono essere dotati di supporti regolabili, accessorio indispensabile per coloro che, oltre alla difficoltà motoria, accusano una particolare debolezza agli arti superiori. I supporti ascellari, sottoascellari o brachiali sono generalmente realizzati in gomma lavabile e antiscivolo perché entrano in contatto con la pelle. 
  • Accessori extra: questi strumenti possono anche essere dotati di borse, vassoi porta oggetti e cestini, contenitori molto utili per appoggiare i propri effetti personali, fare la spesa o svolgere piccole commissioni. 
 

OSS, badante e fisioterapista: un supporto a domicilio per gli anziani con difficoltà motorie

Come abbiamo visto in questo articolo, in certi casi la deambulazione può risultare molto difficoltosa, se non addirittura impossibile, senza l’utilizzo di specifici ausili. Con l’avanzare dell’età, infatti, possono subentrare diverse condizioni in grado di pregiudicare la camminata, tra cui decadimento fisico, patologie croniche e fratture. 

Per tutti gli anziani che hanno difficoltà nei movimenti o nello svolgimento delle attività quotidiane, un supporto importante arriva anche dall’assistenza domiciliare. Attraverso questo servizio, un OSS (Operatore Socio-Sanitario) o una badante possono provvedere ai bisogni dell’assistito direttamente a casa sua, con grande sollievo per i familiari.

Per scegliere il professionista ideale è bene avvalersi di una struttura seria e consolidata, in grado di individuare la figura più opportuna a seconda delle esigenze della persona e della sua famiglia. Risponde a questo requisito PrivatAssistenza, la prima rete italiana di assistenza domiciliare, con oltre 200 centri distribuiti su tutto il territorio nazionale. 

Fra i servizi personalizzati assicurati da PrivatAssistenza, erogati sempre da operatori qualificati, rientra anche il fisioterapista a domicilio, indispensabile per tutti gli anziani impegnati in un percorso riabilitativo post intervento o ricovero ospedaliero. 

Sei interessato a conoscere tutti i servizi di PrivatAssistenza? Contatta il centro più vicino a te!  


Crediti immagine di copertina: Africa Studio/Shutterstock.com

Ultimi articoli del Blog


OSS: cosa fa e dova lavora

Scopri il ruolo chiave dell'Operatore Socio-Sanitario (OSS) in contesti pubblici, privati e assistenza domiciliare. Esplora le sue mansioni, dalle attività assistenziali al supporto sanitario, e le distinzioni con altre figure come gli infermieri e gli Operatori Socio-Assistenziali (OSA). Trova informazioni su come richiedere i servizi dell'OSS a domicilio per assistenza continua e pratica

Come gestire l’insonnia negli anziani

Disturbi del sonno negli anziani: cause e strategie di gestione efficaci - Scopri come affrontare l'insonnia e migliorare la qualità del sonno con le nostre preziose strategie. Leggi ora

Badante: mansioni, assunzione e costi

In questo articolo vedremo come trovare una badante adeguata alle proprie esigenze, quali sono le sue mansioni e perché affidarsi a PrivatAssistenza