Disturbi uditivi e terza età: un problema da non sottovalutare

6 marzo 2024 Salute e prevenzione
Disturbi uditivi e terza età: un problema da non sottovalutare
Changing mindsets: let’s make ear and hearing care a reality for all! è il claim del IX World Hearing Day, la giornata mondiale dell’udito celebrata ogni anno il 3 marzo. Istituita dall’OMS per sottolineare l’importanza e le conseguenze dei disturbi uditivi, specialmente se non riconosciuti e curati in tempo, è l’occasione per accendere i riflettori su problematiche a volte poco affrontate nonostante la grande diffusione. Vediamo quali sono i principali problemi uditivi, chi colpiscono e come affrontarli.


I principali disturbi uditivi

I disturbi uditivi possono manifestarsi in diversi modi e non riguardare solamente la perdita totale o parziale dell’udito, ma anche sintomi quali ovattamento, acufene e vertigini. Nonostante tali problematiche vengano associate comunemente agli anziani, possono presentarsi a qualsiasi età.

L’ipoacusia è il principale disturbo di questo importante senso, che riveste un ruolo cruciale nella nostra comunicazione e interazione sociale. Consiste nella perdita parziale della funzione uditiva, sintomo che può presentarsi in maniera acuta o progressiva sia mono che bilateralmente.

Anche le cause di questo problema uditivo possono essere varie, e determinano due tipologie di ipoacusia differenti: quella trasmissiva e quella neurosensoriale. Nel primo caso, che interessa l’orecchio esterno o medio, il disturbo può essere dovuto a tappi di cerume o corpi estranei, otiti, traumatismi acuti o neoformazioni e otosclerosi. Ciò che invece riguarda danni o degenerazioni della coclea o del nervo acustico, come ipoacusie congenite, traumi acustici cronici, tumori o presbiacusia causa disturbi definiti neurosensoriali.


Un fenomeno sempre più rilevante

L’OMS stima che il 12% della popolazione italiana è colpita da problemi uditivi. Sono 7 milioni le persone con ipoacusia, di cui il 25% tra i 61 e gli 80 anni e ben il 50% over 80. È chiaro, quindi, come l’aumento di incidenza corrisponda all’aumentare dell’età e come tale dato sia in procinto di crescere in futuro alla luce del progressivo invecchiamento della popolazione. Prendendo in considerazione i numeri a livello mondiale, l’OMS prevede che le persone con deficit uditivi raddoppino entro il 2050: un dato che, se sovrapposto alla situazione del nostro Paese, mostra come nel 2025 gli ipoacusici possano superare gli 8 milioni, arrivando tra i 10 e gli 11 milioni nel 2050.


Cura e prevenzione

Il quadro appena descritto pone necessariamente l’attenzione sulla necessità di fare prevenzione e curare o monitorare adeguatamente i disturbi uditivi sin dai primi segni di insorgenza, in particolare negli anziani. Per quanto sia considerato fisiologico un deterioramento dell’udito durante la terza età, infatti, non è escluso che si possa agire preventivamente per evitare di aggravare situazioni in grado di causare isolamento sociale e influenzare pesantemente la qualità di vita.

Una priorità sempre più riconosciuta, come confermato durante la conferenza stampa Sordità: una pandemia silenziosa organizzata da SIOeChCf–Siaf in occasione della III Giornata Nazionale di sensibilizzazione sulle malattie dell'orecchio e dell'udito, anche a fronte degli altissimi costi sociali della sordità: circa 36 miliardi di euro annui, che si dividono tra costi assistenziali, costi sanitari, astensione dalle mansioni lavorative, accompagnamento del paziente disabile o con ritardo cognitivo. È da considerare, infine, come sia sempre più chiaro il legame tra disturbi uditivi e decadimento cognitivo, con un aumento di rischio di demenza in presenza di difetti dell’udito.


Il supporto di PrivatAssistenza

Oggi più che mai, PrivatAssistenza si dedica con impegno a promuovere la consapevolezza sulla salute dell'udito, offrendo servizi quali assistenza domiciliare, supporto alla terapia domiciliare, accompagnamento alle visite specialistiche e operatori altamente qualificati.​
Se tu o un tuo caro necessitate di aiuto nella gestione delle disabilità provocate da disturbi uditivi, PrivatAssistenza mette a disposizione i suoi professionisti tutti i giorni dell’anno 24 ore su 24. Cerca il Centro più vicino a te e chiama per avere subito assistenza.
 

Ultimi articoli del Blog


OSS: cosa fa e dova lavora

Scopri il ruolo chiave dell'Operatore Socio-Sanitario (OSS) in contesti pubblici, privati e assistenza domiciliare. Esplora le sue mansioni, dalle attività assistenziali al supporto sanitario, e le distinzioni con altre figure come gli infermieri e gli Operatori Socio-Assistenziali (OSA). Trova informazioni su come richiedere i servizi dell'OSS a domicilio per assistenza continua e pratica

Come gestire l’insonnia negli anziani

Disturbi del sonno negli anziani: cause e strategie di gestione efficaci - Scopri come affrontare l'insonnia e migliorare la qualità del sonno con le nostre preziose strategie. Leggi ora

Badante: mansioni, assunzione e costi

In questo articolo vedremo come trovare una badante adeguata alle proprie esigenze, quali sono le sue mansioni e perché affidarsi a PrivatAssistenza